Le meraviglie del mondo ancora inesplorate: Sarajevo


Pronti, partenza e via! È ancora una volta quel periodo dell'anno in cui devi prenotare le tue prossime vacanze. Nella ricerca del viaggio perfetto, troverai molti pacchetti vacanze ed offerte davvero convenienti nei vari siti web o nella tua agenzia viaggi di fiducia. Quello che ancora non sai però è che la scelta delle destinazioni, sebbene ti possa sembrare ampia e varia, in realtà è molto limitata: i luoghi che ti verranno proposti saranno per lo più i posti del mondo più turistici e popolari del momento. Senza dubbio molte di queste destinazioni hanno molto da offrire ai propri visitatori, ma potrebbero aver perso, con il passare del tempo, quella bellezza formata da antiche tradizioni ed un passato pieno di storia, lasciando il posto agli effetti della globalizzazione e del turismo. Se non sai ancora dove spendere le tue prossime vacanze, noi di Volo-in-Ritardo.it abbiamo pensato per te a delle mete alternative per un'esperienza unica nel suo genere.

La meraviglia del mondo non ancora molto conosciuta ai più di questa settimana è la città bosniaca di Sarajevo e qui di seguito scoprirai per quale motivo vale la pena fare la valigia e partire subito per questa fantastica destinazione.

Dimentica cornetto e cappuccino e prova il börek di Sarajevo

Immersa nella storia, Sarajevo è il punto d'incontro delle culture austro-ungarica, ottomana e jugoslava. Cosmopolita e pittoresca allo stesso tempo, la tua visita in questa città sarà un tuffo in un passato dalle mille sfaccettature ed un'esperienza che ricorderai per sempre.

Per comprendere al meglio la cultura bosniaca, inizia la tua avventura assaggiando le prelibatezze locali. Il börek, una tortina salata di pasta sfoglia, è il monumento della cucina bosniaca. Puoi praticamente trovarlo in ogni angolo della città in una delle numerose buregdžinica, piccole pasticcerie specializzate. Dopo aver provato il tuo primo börek, è probabile che non ne potrai più fare a meno e vorrai assaggiare tutti i diversi tipi di queste gustose tortine. I börek sono farciti con carne macinata, spinaci o formaggio. Provali tutti prima di decidere quale sia il tuo preferito! Tradizionalmente, puoi mangiarli accompagnandoli con una bevanda allo yogurt tipica della Bosnia ed Erzegovina. Tuttavia, ti consigliamo di provarli con un caffè chiamato kahva bosanska. L'arte di servire questo caffè non ti passerà inosservata. Dopo averlo ordinato, ti verrà servito un vassoio con diverse tazze tra cui scegliere, tutte decorate con raffinate incisioni. Non farti distrarre troppo dalla loro bellezza. Il tuo caffè potrebbe raffreddarsi!

Il regno dei piccoli bazar

Se sei stato colpito dal talento artistico con cui ti è stato servito il caffè, ora è il momento di visitare il distretto ottomano di Baščaršija. Non preoccuparti, anche noi non sappiamo come pronunciare quel nome. Qui puoi trovare infiniti negozi eccentrici e trascorrere ore perdendoti nelle strette viette di questo unico quartiere. Lasciati guidare dalla vivace atmosfera delle bancarelle, dagli odori delle spezie, dai colori dei tessuti, dai gioielli e dai suoni: tutto si riunisce in uno spettacolare gioco dei sensi.

La nuova e vecchia biblioteca di Sarajevo

Dopo aver fatto i tuoi acquisti nei piccoli bazar, dirigiti verso Vijećnica, la nuova e vecchia biblioteca! Diciamo "nuova e vecchia" perché questo edificio, che risale alla fine del diciannovesimo secolo, fu completamente distrutto nel 1992 durante l'assedio di Sarajevo. È stata poi ricostruita, cercando di mantenere lo stile moresco originario e ha riaperto le sue porte nel 2014. Dopo aver attraversato il portale della biblioteca, ti ritroverai nuovamente in un ambiente unico e pittoresco. I colori vivaci delle vetrate, le cupole e gli archi ti faranno credere di essere il protagonista di una favola e ti sentirai ipnotizzato dalla magia del mondo antico. Avrai anche la possibilità di vedere alcuni dei pochi affreschi originari che sono stati conservati. Nel seminterrato troverai infine un museo dove capirai il motivo per cui questo edificio in particolare riflette la storia della città, del paese e del mondo. 

Il ponte che ha fatto la storia dell'Europa

Se ti sei chiesto perchè la biblioteca riflette la storia del mondo, devi sapere che proprio a Sarajevo è accaduto l'evento che ha lasciato un segno nella storia moderna e che può essere considerato il vero inizio del ventesimo secolo: la prima guerra mondiale. Durante le nostre lezioni di storia, ci è stato insegnato che l'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo ha innescato l'effetto domino che ha dato inizio alla prima guerra mondiale. Ma pochi sanno che l'arciduca sopravvisse ad un primo tentativo di omicidio mentre si stava recando proprio alla biblioteca di Vijećnica. Alla fine, l'erede al trono dell'impero austro-ungarico fu ucciso sul ponte latino, che ha mantenuto il suo splendore originario e merita sicuramente una visita. La città di Sarajevo è stata ovviamente segnata dalla guerra e  durante le tue passeggiate per la città noterai le cosiddette "rose di Sarajevo", le ferite della città causate da spari e bombe ancora incise nelle mura degli edifici, ma ora coperte da una resina rossa.

Nonostante il suo travagliato passato, Sarajevo è ora una città ricca di colori e profumi, dove la vitalità delle sue vie, dei suoi bazar e delle sue pasticcerie sono la testimonianza di un paese in piena crescita e il cui ricordo ti accompagnerà a lungo dopo la tua visita.Tieni d'occhio il nostro Blog e scopri le meraviglie del mondo delle prossime settimane.