Un aereo tutto per sé: non è un jet privato, ma la storia di una fortunata passeggera


A volte un errore della compagnia aerea può far diventare un sogno di tutti noi realtà. 

Come sappiamo da tempo, le compagnie aeree mettono in vendita un numero di biglietti maggiore dei posti a sedere all'interno dell'aeromobile. Fortunatamente, i passeggeri in overbooking possono richiedere un risarcimento fino a 600 euro sul nostro sito di Volo-in-Ritardo.it. Quello che è successo ad una passeggera statunitense pochi giorni fa, invece, è tutto il contrario. Avete mai sperato di trascorrere le ore di volo, stendendo le vostre gambe sul sedile a fianco a voi?

Mentre stava aspettando che si aprisse l'imbarco del suo volo da New York a Washington, quarantacinque minuti prima della partenza, la ragazza protagonista di quest'esperienza, o sarebbe meglio dire occasione che capita una sola volta nella vita, era rimasta abbastanza sorpresa nel vedere che nessun altro passeggero si trovava al suo stesso gate dell'aeroporto. 

Beth, questo è il nome della fortunata viaggiatrice, si era vista cancellare il suo volo e la compagnia aerea le aveva offerto in automatico il prossimo volo disponibile per arrivare alla sua destinazione finale. Tuttavia, il sistema delle prenotazioni aveva riprogrammato il viaggio della ragazza su uno degli aerei dedicati al trasposto dell'equipaggio.

Nonostante l'inusuale accaduto, lo staff della compagnia aerea ha lasciato che Beth prendesse posto a bordo, in quanto ormai il danno era stato fatto e l'aereo non poteva permettersi dei ritardi. Una volta seduta comodamente in uno dei sedili anteriori dell'aeromobile, la ragazza non ha potuto resistere a farsi un selfie e condividere la gioia di viaggiare in un aereo tutto per sé sui social media.    

Questo potrebbe sembrare un episodio del tutto isolato. In realtà, però, lo scorso anno anche un'altra passeggera che doveva volare da Glasgow a Creta si è ritrovata sola (e felice) all'interno dell'aereo, dopo che gli altri due unici passeggeri del volo non si erano più presentati. Chissà, la prossima volta potrà accadere proprio a te!

 

Ti è piaciuto? Continua a leggere i nostri articoli nel nostro blog o seguici su Facebook, Twitter ed Instagram

Il Team di Volo In Ritardo.it