Novità: in caso di cancellazione del volo legata al COVID-19, puoi avere il rimborso del costo del biglietto in denaro. Ottieni rimborso

The Ones To Follow: Manouk di 'Bunch of Backpackers' | Volo-in-Ritardo.it

A tutti noi piace viaggiare, scoprire nuovi posti o semplicemente godersi finalmente del relax in spiaggia. Lungo la strada spesso si incontrano sempre le persone migliori e a volte nascono amicizie per tutta la vita. Quest'anno però, il nostro spirito da esploratori è stato messo a dura prova: gli zaini chiedono di essere riempiti e la voglia di partire si fa sempre più forte. Per questo motivo, la nostra redazione è si è messa in moto per cercare ispirazioni e, parlando di viaggi e luoghi da vedere, blog e Instagram la fanno da padrone! Abbiamo quindi selezionato i migliori blog europei a tema viaggio del 2020, quelli che dopo aver letto delle loro avventure, ci fanno guardare il vicino di casa dalla finestra e immaginare che invece di venire a chiederci di non far abbaiare il cane, voglia sapere quale cocktail vogliamo prima di cena per portarcelo su un vassoio in riva al mare.

 

La protagonista di questo episodio della nostra serie sui migliori blog di viaggio europei The Ones To Follow: la guru del viaggio zaino in spalla, Manouk di "Bunch of Backpackers"! Manouk scrive i suoi blog principalmente in inglese, ma per i suoi lettori olandesi ha anche allestito uno speciale dedicata a loro, il Dutch Corner, e per chi legge solo in italiano, c'è sempre Translate pronto a venirci incontro. Se avventura, libertà e destinazioni insolite suscitano in te voglia di partire, 'Bunch of Backpackers' è il posto giusto. Manouk ha già visitato 70 paesi!

Interview Manouk Bunch of Backpackers

 

Partiamo con Manouk!

 

Ciao Manouk! Raccontaci qualcosa di te e del tuo blog.

Ciao, mi chiamo Manouk! Ho 34 anni, lavoro come medico e vivo nella splendida Rotterdam. Viaggiare è stata una passione fin da giovane. Mi piace soprattutto viaggiare in modo istintivo: con zaino e tenda e con molta libertà ed entusiasmo! Ho potuto visitare circa 70 paesi, mi piace ricordare in particolare le 3 settimane di trekking nella regione dell'Everest in Nepal, il Transmongolie Express e la Via della seta che ho percorso via terra.

 

Negli ultimi anni ho viaggiato anche in destinazioni relativamente meno frequentate, ma molto belle come il Sudan, l'Etiopia, la Sierra Leone, la Liberia, il Tagikistan, l'Iran, il Kurdistan iracheno e l'Azerbaigian. Questi Paesi hanno tantissimo da offrire, in un modo che può davvero sorprendere! Sapevate, ad esempio, che il Sudan ha più piramidi dell'Egitto? E che in Sierra Leone ci sono spiagge meravigliose dove ci si può anche divertire surfando?

 

Nel 2013 ho creato il mio blog, 'Bunch of Backpackers' (www.bunchofbackpackers.com), sul quale sono raccolti i miei racconti, i miei consigli e le mie foto. Bunch of Backpackers è diventato uno dei più famosi blog di avventura, internazionali in solitaria! A volte ricevo il messaggio di qualcuno che ha prenotato un viaggio verso una certa destinazione, dopo essere stato ispirato dai miei racconti su Instagram (@manoukbob). Mi fa tantissimo piacere!

 

Ci sono un bel po' di paesi nella tua lista! Dopo tanti viaggi, l'isolamento deve essere stato duro per te. Dove ti trovavi quando i Paesi Bassi hanno chiuso le frontiere e come hai vissuto questa esperienza?

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Bunch Of Backpackers - Manouk (@manoukbob) on

 

Ero a casa a Rotterdam. Non dimenticherò le strade tranquille e i supermercati vuoti. Sono rimasto colpita anche dall'impatto dell'isolamento nei Paesi Bassi sotto i tanti, diversi aspetti. Personalmente, non è stato molto stressante.

 

Come hai trascorso il tuo tempo?

 

Mi sto specializzando per diventare una pneumologa e durante questo periodo ho lavorato nell'equipe dedicata al coronavirus del mio ospedale. È stato un periodo molto particolare e turbolento sul lavoro. In casa invece, ero impegnata con la ristrutturazione, poi corsa, yoga online, TV e libri.

 

Ovviamente al netto dell'impegno in casa e in ospedale per cui ti facciamo i complimenti e ti ringraziamo, è stata dura non poter viaggiare?
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Bunch Of Backpackers - Manouk (@manoukbob) on

 

Mi trovavo ad Accra, in Ghana (l'ultima destinazione di un viaggio di 4 mesi) quando qualcuno mi ha chiesto per la prima volta se avessi sentito parlare del coronavirus. Non molto tempo dopo il mio ritorno a casa, i Paesi Bassi sono stati messi hanno deciso per il lockdown. Siccome avevo un viaggio bellissimo e molto lungo appena alle spalle ed ero impegnata in ospedale, stare a casa non era un problema. Non ho pensato molto al viaggiare in quel periodo. Ora sta lentamente ricominciando a sentire quel fremito e nella mia testa ho già abbastanza idee per il futuro prossimo (o lontano?).

 

Avevi già prenotato voli che sono stati poi cancellati a causa del coronavirus? La compagnia aerea come ha gestito la tua situazione?

 

Per fortuna non avevo voli in programma.


Anche tu hai subito una cancellazione del volo a causa della pandemia? → Cosa fare in caso di volo cancellato


Cosa ti è mancato di più del viaggiare?

 

Penso che la varietà e il catturare i momenti belli del tuo viaggio. Viaggiare mi dà davvero una forte carica, e sono proprio quei ricordi a cui spesso mi aggrappo per settimane o mesi! Catturare questi momenti in foto è ciò che mi è mancato di più finora.

 

Cosa invece non ti è mancato?

 

A volte si presentano situazioni spiacevoli durante il viaggio: molestie (sessuali), furti, bagagli smarriti, situazioni pericolose, truffe (tentativi), ecc. Per fortuna questo accade sporadicamente. Alla fine, alcune di queste situazioni sono anche istruttive e ti formano come viaggiatore.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Bunch Of Backpackers - Manouk (@manoukbob) on

 

Qual è stato il ritardo di un volo più lungo che ti sia capitato e come ha influito sul tuo viaggio?

 

Il ritardo più lungo è stato in occasione del volo da Addis Abeba, in Etiopia, a Cancun, in Messico. C'era un difetto tecnico dell'aereo, che ci ha fatto passare molte ore a terra. Avrei dovuto festeggiare il mio compleanno in Messico, ma a causa di questo ritardo ho festeggiato invece in aereo.

 

Oh, peccato! Sapevi che puoi richiedere fino a 600 euro di compensazione in denaro per voli ritardati o cancellati? Sarebbe stato un regalo di compleanno appropriato...

 

Sì, l'ho scoperto solo negli ultimi anni! È un peccato! Ho finalmente ricevuto un risarcimento di 600 euro per il mio volo per il Messico (si dà il caso che sia tramite il vostro sito web!).

 


Il tuo volo, come quello di Manouk, ha subito un ritardo o è stato cancellato? Volo in Ritardo ti assisterà volentieri! Ci occupiamo di tutto quello che riguarda la compagnia aerea e ci assicuriamo che i tuoi diritti di passeggero siano rispettati, in modo che tu riceva il risarcimento a cui hai diritto. Compila semplicemente i dettagli del tuo volo e ti faremo sapere immediatamente se puoi chiedere un risarcimento per il tuo volo in ritardo o cancellato! Scoprirai subito quanto puoi chiedere come risarcimento.

Controlla il mio volo


 

Ringraziamo Manouk per la sua partecipazione a The Ones To Follow 2020 e speriamo che possa tornare presto a viaggiare per pubblicare delle belle storie! Vuoi sapere qualcosa di più sui suoi viaggi e sulle sue foto? Dai un'occhiata a uno dei nostri articoli preferiti sul suo blog:

 

40 delle mie foto preferite che ti faranno venire voglia di visitare il Tagikistan

 

Anche tu hai voglia di viaggi?

L'intervista con Manouk ti ha convinto a prenotare un viaggio o a scoprire un nuovo paese? Certo, quest'anno è un po' difficile, ma non è certo impossibile. E non dimenticare: anche se il tuo volo viene cancellato a causa del coronavirus, hai comunque diritto al rimborso completo del biglietto! Serve aiuto per questo? Cerca tra le tue email i dati del volo e clicca qui sotto per scoprire quanto ti spetta!

 

Richiedi il rimborso

 

 


Dicono di noi...


 

Verifica il mio volo