Novità: in caso di cancellazione del volo legata al COVID-19, puoi avere il rimborso del costo del biglietto in denaro. Ottieni rimborso
Torna alle notizie

39° Assemblea generale dell’ICAO: conclusioni in materia di sicurezza ed ambiente

Il 7 Ottobre si è conclusa la 39° Assemblea Generale dell’ICAO (International Civil Aviation Organization). Incremento del controllo del traffico aereo e contenimento delle emissioni di CO2, sono alcune delle tematiche trattate in materia di sicurezza ed ambiente.

Aereo in volo e torre di controllo

Sicurezza

Alle conclusioni dell'Assemblea, sul piano sicurezza, si è parlato di aggiornamento del piano globale, che comprenderebbe un’ incremento del controllo del traffico aereo con strumenti più moderni ed un maggiore utilizzo della sorveglianza satellitare. Rilevanti, a tal proposito, sono state le delibere relative al “tracciamento globale”, fa sapere l’Enac, ‘per il quale è stata trovata una soluzione temporanea in attesa dello sviluppo di sistemi di rilevazione indipendenti e sulla gestione delle informazioni relative alle aree oggetto di conflitti armati.’

I paesi devono, inoltre, dotarsi di regole e linee guida in materia di regolazione dei droni, il cui fenomeno è sempre più diffuso e di strumenti e procedure basate sul principio della “gestione del rischio”. Le azioni di prevenzione e tutela devono essere coordinate all'interno di un piano mondiale, che vede tutti i paesi indirizzarsi verso un’unica direzione ‘safety’, soprattutto considerando i recenti attacchi terroristici, ultimo dei quali all'aeroporto di Bruxelles.

Attacchi cibernetici (cyber security), armi missilistiche trasportate a spalla (manpad) ed il possibile uso improprio di droni, vengono considerati come le nuove minacce a cui far fronte e a cui trovare soluzioni di prevenzione.

Ambiente

Il Comitato Esecutivo ha approvato il lavoro svolto dal Consiglio in tale ambito e dal suo comitato per la protezione ambientale (CAEP) in tema di rumore, quantità delle emissioni di anidride carbonica dei motori aerei, polveri sottili e altre emissioni tossiche che influiscono sulla qualità dell’aria. A riguardo, è stato raggiunto un accordo definito “storico”,  che porterà al contenimento dal 2020 della crescita delle emissioni di CO2.

Il piano messo in atto, dovrebbe contribuire fin da subito alla riduzione dell’impatto ambientale dell’attività aerea mondiale e dovrebbe portare, tra il il 2021 e il 2035, ad un livello di neutralità nelle emissioni di CO2, in linea con gli obiettivi del COP21 di Parigi.

 

Il team di Volo In Ritardo.it