Novità: in caso di cancellazione del volo legata al COVID-19, puoi avere il rimborso del costo del biglietto in denaro. Clicca qui
Torna alle notizie

MacBook Pro vietati sugli aerei: tutte le informazioni utili

In seguito alle segnalazioni degli enti di controllo dell’aviazione di tutto il mondo, le compagnie aeree hanno deciso di limitare il trasporto di dispositivi MacBook Pro 15 pollici.

Tutto è iniziato a maggio, quando diversi casi di incendio di batterie al litio, oltre a surriscaldamenti e rigonfiamenti, sono stati segnalati su questo modello Apple.

MacBook vietati a bordo

L’azienda produttrice ha quindi deciso di richiamare i dispositivi su cui è stata montata la batteria difettosa e solo tra USA e Canada sono stati fatti rientrare più di 450000 esemplari. Nello specifico si tratta principalmente dei modelli venduti tra settembre 2015 e febbraio 2017. Apple ha attivato questa pagina, nella quale è possibile inserire il numero di serie del proprio dispositivo e verificare se sia necessaria la sostituzione della batteria, servizio che è offerto gratuitamente, visto il caso. I tempi previsti sono di circa 2 settimane.

Quali compagnie hanno comunicato divieti riguardo i MacBook Pro 15"

A bordo di un aereo è pericoloso avere oggetti che potrebbero causare incendi, per cui sia enti di controllo, sia vettori hanno deciso di limitare la possibilità di trasportare questi computer in volo. Di seguito una lista dei principali divieti e segnalazioni in materia:

  • FAA, ente di controllo sull’aviazione civile statunitense, vieta il trasporto a bordo di tutti i dispositivi segnalati, quindi non è possibile viaggiare con i modelli che montano la batteria difettosa.
  • EASA vieta il trasporto in stiva e richiede che siano spenti in cabina per l’intero viaggio. Divieto totale sui voli cargo.
  • DGCA, ente indiano, ha comunicato il divieto totale del modello interessato, se non revisionato.
  • Air Italy ha comunicato il divieto totale per il dispositivo a bordo dei suoi aerei.
  • easyJet ricorda il divieto in stiva e richiede che il dispositivo sia spento in cabina.
  • TUI, Thomas Cook Airlines e Air Transat, hanno comunicato il divieto totale a bordo.
  • Qantas ha vietato tutti i 15” in stiva, anche quelli venduti fuori dal periodo segnalato, mentre è consentito portarli spenti nel bagaglio a mano.
  • Virgin Australia ed Etihad non accettano MacBook, indipendentemente da modello o dimensioni, in stiva, mentre ne consentono il trasporto in cabina.
  • Singapore Airlines vieta il trasporto dei modelli con batteria difettosa sia in stiva, sia in cabina.
  • Thai Airways non accetta nessun MacBook Pro 15”, neanche con batteria sostituita da Apple. 

In ogni caso, anche considerato che alcuni aeroporti potrebbero decidere di vietare del tutto i MacBook per evitare rallentamenti eccessivi ai controlli, suggeriamo sempre di contattare la compagnia aerea che ha emesso il biglietto e verificare quali siano le restrizioni precise.


Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo sui tuoi profili social e, per non perderti altri aggiornamenti e notizie sui voli o consigli di viaggio, seguici su Facebook!


PRESENTA ORA IL TUO RECLAMO

 

Noi di Volo-in-Ritardo.it siamo esperti del mondo dei viaggi. Con una profonda conoscenza dei diritti dei passeggeri e delle più importanti compagnie aeree mondiali, aiutiamo i viaggiatori come te a ottenere una compensazione per un volo in ritardo, cancellato o in overbooking. Sai che hai 2 anni di tempo dalla data del volo, per richiedere un rimborso e una compensazione? Conosci meglio i tuoi diritti o controlla gratuitamente il tuo volo.