Torna alle notizie

Oggi decolla il primo grande aereo Neos 787 Dreamliner, proprio dall'Italia

Oggi decolla il primo grande aereo Neos 787 Dreamliner, proprio dall'Italia

Il 2017 è stato di sicuro un anno d'oro per le compagnie aeree charter italiane. Blue Panorama è stata acquistata dal gruppo Uvet, uno dei principali leader italiani nel mondo dei servizi di viaggio, che darà nuovi fondi per rilanciare la compagnia aerea ed ampliare l'offerta delle destinazioni. Meridiana, grazie alla collaborazione con Qatar Airways, farà di Milano Malpensa l'aeroporto principale delle sue operazioni e lancerà il prossimo anno voli a prezzi economici verso gli Stati Uniti.

Oggi, invece, è il giorno di Neos, la compagnia aerea charter della società Alpitour. Con il volo da Milano Malpensa per Guadalupa del 21 dicembre 2017, Neos dà inizio ad una nuova era dell'aviazione italiana. L'aeromobile scelto è il Boeing 787 Dreamliner, un aereo che può ospitare più di 350 passeggeri in classe economica e premium. La compagnia aerea di Alpitour è la prima compagnia aerea italiana a possedere questo tipo di aeromobile ed entra quindi nei primati dei vettori aerei che lo possiedono.

Con tre aeromobili Boeing 787 Dreamliner nella sua flotta, molti più passeggeri potranno raggiungere destinazioni lontane come i Caraibi, le Maldive, la Cina ed il Vietnam con una migliore esperienza di viaggio. Sedili in pelle, maggiore spazio per le gambe e intrattenimento di ultima generazione, oltre a 359 posti a bordo, fanno di questo aeromobile la perfetta scelta per un viaggio low cost per delle vacanze in posti esotici.

Come ha dichiarato il presidente della compagnia aerea, l'arrivo del 787 Dreamliner è di sicuro un orgoglio per Neos ed un riconoscimento per una compagnia aerea italiana che ha visto crescere il suo fatturato nel corso degli anni e che punta a diventare la prima scelta per le vacanze degli italiani.   


Ti è piaciuto? Continua a leggere i nostri articoli nel nostro blog o seguici su Facebook, Twitter ed Instagram

Il Team di Volo In Ritardo.it
 

Condividi articolo