Novità: in caso di cancellazione del volo legata al COVID-19, puoi avere il rimborso del costo del biglietto in denaro. Clicca qui
Torna alle notizie

Lufthansa, stop al secondo pasto caldo: difesa dell'ambiente?

 

A partire da ieri, 28 novembre, la compagnia tedesca ha cambiato l’organizzazione del servizio per le classi Economy e Premium Economy sui voli a lungo raggio. Fino a poco tempo fa, veniva offerto un primo pasto caldo – con due opzioni tra cui scegliere – e un secondo pasto caldo prima delle manovre d’atterraggio. Con questa novità, invece, prima dell’arrivo a destinazione viene servito un panino vegetariano “di ottima qualità”.

Cosa cambia?

Vediamo esattamente quali sono le novità a bordo degli aerei Lufthansa:

  • sui voli a lungo raggio, Lufthansa offrirà solo un piccolo spuntino vegetariano freddo come pasto pre-atterraggio, senza scelta tra opzioni differenti;
  • fino al 27 novembre, sui voli di durata oltre le 10 ore, Lufthansa offriva un vassoio con piatti caldi con scelta tra due opzioni;
  • fino al 27 novembre, sui voli di durata inferiore alle 10 ore, Lufthansa offriva un cestino con cibi caldi;
  • l'unico cambiamento positivo è che tutti i passeggeri ora ricevono una bottiglia d'acqua da mezzo litro.

Interrogata a riguardo dall’importante sito di settore Simple Flying, Lufthansa ha spiegato così queste decisioni:

“Stiamo offrendo una bottiglia d'acqua da 0,5 litri a tutti i passeggeri, che era e rimane uno standard in Business Class e Premium Economy e ora viene estesa alla Classe Economy. Questo servizio è molto ben accolto dai clienti. Utilizziamo bottiglie in PET riciclabili che rimangono al 100% nel processo di riciclaggio. Se i clienti finissero l’acqua nelle loro bottiglie, sono invitati a prenderne un'altra in cucina.

Il primo pasto completo è caldo in Economy Class e offre due alternative. Per il secondo pasto, ci sarà un panino freddo di qualità in classe economica dal 28 novembre in poi. A molti clienti piace la possibilità di godersi immediatamente questo secondo pasto o di conservarlo per il resto del viaggio. Ciò comporta anche un risvolto riguardante l’ambiente, poiché vengono generati meno rifiuti legati all’imballaggio.”

Lufthansa - colazione calda

Una foto ormai del passato: un pacchetto con all'interno la colazione calda Lufthansa

I motivi: un altro tentativo di greenwashing per vendere un risparmio sui costi?

Per giustificare la decisione, Lufthansa ha anche spiegato che è stata condotta una sperimentazione su oltre 80 voli per scegliere l’alternativa migliore e che, proprio in seguito ai feedback e alle richieste dei passeggeri, si è scelto di tagliare il secondo pasto caldo, a fronte di uno freddo e senza alternative.

Ora, onestamente a chi scrive colpisce venire a sapere che i passeggeri di Lufthansa scelgano volontariamente di rinunciare a dei confort senza ottenere nulla in cambio, se non un vago riferimento alla produzione di meno rifiuti e senza chiarire come. Sorge piuttosto il sospetto che si tratti di un’operazione volta a risparmiare sulle spese sostenute dal vettore, come un’altra iniziativa annunciata in concomitanza, che è quella dello stop alle cuffie distribuite ai passeggeri per ascoltare musica e audio dei film, sostituite da auricolari usa e getta.

La compagnia in questo caso sostiene che grazie a questa mossa si risparmieranno 500 tonnellate di CO₂ all’anno. In un attimo di distrazione si potrebbe quasi pensare che ci sia davvero un intento ecologista dietro questa mossa, se non fosse lampante per chiunque che gli auricolari monouso formeranno un enorme quantità di rifiuti, che dovrà essere smaltita in qualche modo. Magari proprio bruciandola in inceneritori.


Per non perderti altri aggiornamenti e notizie sui voli o consigli di viaggio, seguici su Facebook


Noi di Volo-in-Ritardo.it siamo esperti del mondo dei viaggi. Con una profonda conoscenza dei diritti dei passeggeri e delle più importanti compagnie aeree mondiali, aiutiamo i viaggiatori come te a ottenere una compensazione per un volo in ritardo, cancellato o in overbooking. Sai che hai 2 anni di tempo dalla data del volo, per richiedere un rimborso e una compensazione? Conosci meglio i tuoi diritti o controlla gratuitamente il tuo volo.