Guida rapida agli aeroporti d’Italia

Guida rapida agli aeroporti d’Italia

 

Quanti aeroporti ci sono in Italia? Qual è l’aeroporto più grande? Quali sono le regioni con più aeroporti e quali senza? Quale il migliore e quale il peggiore secondo passeggeri?

Abbiamo provato a rispondere a queste domande per voi. Ecco la nostra guida rapida agli aeroporti Italiani.

 

Italia, meta turistica d'eccellenza

Partiamo dai numeri molto positivi dell’ultimo anno: nel 2017 il traffico aereo in Italia è aumentato del 6,2% rispetto al 2016 per un totale di 174.628.241 passeggeri.

L'Italia si conferma quindi meta turistica d’eccellenza: la qualità unica della nostra cucina insieme alla bellezza delle spiagge e dei paesaggi architettonici e ai diversi punti di interesse storico-artistico fanno gola a tantissimi viaggiatori in Europa e nel resto del Mondo. E stando sempre i numeri, viaggiatori lo siamo sicuramente anche noi, perciò scopriamo qualcosa di più sugli aeroporti italiani.

 

Gli aeroporti d’Italia, regione per regione

Gli aeroporti (civili) in Italia sono ben 45, ampiamente distribuiti su tutta la Penisola, anche se non tutte le regioni ne vantano uno. Il Molise e la Basilicata, infatti, non dispongono di hub per il traffico aereo, ma possono contare sulle regioni confinanti decisamente ben fornite. Aeroporti di Puglia comprende quattro 4 aeroporti distribuiti per i maggiori centri cittadini Brindisi, Taranto, Foggia e Bari. Proprio quest’ultimo, l’aeroporto Karol Wojtyla sembra essere tra i più amati dai passeggeri per la sua accessibilità e mobilità interna, stando a un’indagine di altroconsumo.it, associazione dei consumatori già nota ai seguaci di Volo in Ritardo per la disputa Ryanair-ACGM.

Aeroporto di Bari Karol Wojtyla

Per i lucani che vogliono concedersi un viaggio ad alta quota, una seconda scelta è rappresentata dagli aeroporti di Salerno e Napoli in Campania, o Catanzaro e Lamezia Terme in Calabria; dal Molise invece può essere comodo raggiungere Roma o usufruire degli Aeroporti d’Abruzzo.

La regione che conta più aeroscali nei suoi confini è la Sicilia, ve ne sono 6 considerando quelli delle isole, gli aeroporti di Pantelleria e di Lampedusa.

Al secondo posto la Toscana con 4 hub quali Firenze, Pisa, Grosseto e Marina di campo.

 

Gli aeroporti più grandi d’Italia

La grandezza di un aeroporto non si giudica dalla sua estensione ma dal traffico che genera. In Italia spetta a Lazio e Lombardia contendersi i primi posti. Con 40.971.881 passeggeri solo nello scorso anno, il primato spetta a Roma Fiumicino ed è ben consolidato se si guarda agli altri due aeroporti maggiori, Milano Malpensa e Orio al Serio, i cui numeri si avvicinano appena alla metà di quelli del centro romano (rispettivamente 22.169167 e 12. 336137). Un’altra buona notizia per l’aeroporto della capitale dunque, che già aveva ricevuto una nomina speciale dall’autorevole sito di viaggi Edreams con l’inserimento dell’hub tra i dieci migliori al mondo.

A ridosso del podio troviamo l’aeroporto di Venezia Marco Polo, il primo hub della città dei canali, che ha la particolarità di poter essere raggiunto via acqua appunto, a bordo di un vaporetto o di un water taxi. Attenzione a non confonderlo con Aeroporto Antonio Canova di Treviso Sant’Angelo, detto Venezia-Treviso Sant'Angelo o Venezia-Treviso.

Tra gli aeroporti del Sud Italia invece, il primo è Catania Fontanarossa (6° in totale), servito da compagnia di bandiera come Alitalia, Lufthansa e KLM, che oltre alle mete italiane ed europee vanta un collegamento diretto con Dubai. Mentre segue Napoli Capodichino (7°), hub per i velivovi Air France, British Airway e l’eccellenza italiana Neos.

mappa degli aeroporti d'Italia

fonte: assoaeroporti

Tra i più piccoli infine quelli di Salerno, Foggia e Taranto. Quello di Lamezia Terme inceve il...meno amato.


Noi di Volo-in-ritardo.it siamo esperti del mondo dei viaggi. Con una profonda conoscenza dei diritti dei passeggeri e delle più importanti compagnie aeree mondiali, aiutiamo i viaggiatori come te a ottenere una compensazione per un volo in ritardo, cancellato o in overbooking. Sapevi che il tuo diritto a richiedere un rimborso per queste brutte esperienze ha una valenza di 3 anni. No? Allora clicca qui e conosci meglio i tuoi diritti. Oppure controlla gratuitamente il tuo volo.